The Hub spokes

Monday, October 3rd, 2011

Tesi: Ilaria Bollati
Politecnico di Milano, ottobre 2011

Proposta per un Adaptive-reuse del deposito ATM di Leoncavallo a MIlano con l’obiettivo di generare nuovi spazi per nuove modalità di lavoro collettivo (co-working) e individuale. Senza dimenticare gli  studenti del Politecnico…

Sfoglia il book degli attachments


Vedere l’invisibile

Saturday, July 30th, 2011

Il book di lettura e registrazione dei patrimoni invisibili.

Tesi: Chiara Cicciarella, Silvia Medici
Politecnico di Milano, ottobre 2011

Rendere percepibile e fruibile il patrimonio celato che si conserva nel paesaggio rurale abruzzese attraverso dispositivi fruitivi che azionano produzioni percettive e fuzionali.

Sfoglia il book nr 2 [le premesse]
Sfoglia il book nr 3 [il progetto]


Salvagente

Friday, April 1st, 2011

Tesi: Filippo Olioso
Politecnico di Milano, aprile 2011

Salva Gente è un progetto che ha lo scopo di progettare la riattivazione di alcuni spaziabbandonati a Verona. Da un’analisi della città si è scoperto che Verona possiede numerosi luoghi dismessi, industriali, militari, privati, comunali e dello stato e allo stesso tempo si è constatato che la città non possiede dei veri e propri spazi pubblici “liberi” di essere usati come tali. La tesi mette in campo perciò la progettazione di un Kit che possa ridare vita a questi luoghi abbandonati per trasformarli in spazi pubblici fruibili da tutta la cittadinanza in modo libero.

Guarda i Manifesti-tavole-book


Borgi sostenibili. La valle di Zeri

Tuesday, May 25th, 2010

Tesi: Michela Bassanelli
Politecnico di Milano, maggio 2010

La tesi indaga il fenomeno della dismissione dei borghi in Italia, analizzando in una prima parte numeri, cause e situazione attuale del paese. L’obiettivo è quello di definire una metodologia di studio per queste realtà che permetta di individuare delle possibili strategie di riattivazione. La seconda parte riguarda quindi l’applicazione di questa metodologia sul caso studio della Valle di Zeri, un comune che si trova nell’alta Toscana. I temi su cui si focalizza la metodologia sono: lettura del contesto, ricostruzione storica, analisi delle risorse e lettura dei casi studio.

Artists-in-residence [Milano]

Monday, December 28th, 2009

cover-tesi-scheletri

Tesi: Caludio Moretti
Politecnico di Milano, ottobre 2009

Gli scheletri urbani e le loro posizioni periferiche diventano, contenitori dettati dall’utilizzo di una “ospitalità temporanea”.

Questo termine non deve, esclusivamente, riguardare l’idea di alloggio per artisti a breve o a lunga permanenza ma deve saper mutare per poter ospitare, a seconda degli eventi che nascono dalla metropoli milanese, diverse attività e persone. Un museo Civico e in-progress dell’Arte Contemporanea a Milano.

Gli scheletri, in questo modo, diventano possibilità già nate ma mai cresciute per soddisfare temporaneamente le lacune della città e i suoi errori.

Look inside the book >


Anche una parete è una stanza

Friday, November 20th, 2009
Tesi: Elisa Bernardi
Politecnico di Milano, luglio 2009

Il lavoro affronta in modo sistemico e strutturato la possibilità di definire interventi standard di adeguamento funzionale e pedagogico in una determinata tiplogie di scuole materne milanesi.


Abitare solidale

Friday, September 4th, 2009

cascine2

Una aia solidale
Tesi: Andrea Pezzoli, Giulia Urciuoli
Politecnico di Milano, luglio 2009

Partendo dalla proposta di Multiplicity.Lab /DIAP “I Municipi dell’Abitare”, il progetto – con la collaborazione del CeAS – dà una risposta al problema “dell’accoglienza rom” a Milano, attraverso il recupero della cascina Mulino San Gregorio nel Parco Lambro. Il lavoro prende origine dall’iniziativa della Triennale di Milano, “Una casa per tutti”+”La vita nuda”, che ha indagato il problema del disagio abitativo a Millano.

Look inside the book


Ospitare le differenze

Friday, November 14th, 2008

Tesi: Valeria Bormolini, Claudia Brunelli, Margherita Parati
Politecnico di Milano, luglio 2008

To look inside > click here

To download some parts of book Read the rest of this entry »


facebook likes
facebook likes